Gothic Comic


La copertina del comic

Questo è il comic ufficiale, creato da Ideenschmiede Paul & Paul, pubblicato da Egmont e approvato dai Piranha Bytes.
Presenta la storie ufficiali degli amici dell'eroe; cosa sarà accaduto a loro prima e dopo essere stati gettati nella Colonia? e come mai una torre del castello di Campo Vecchio è crollata?...

Il fumetto è stato realizzato in tedesco. Su World of Gothic è stato postato il testo trascritto, l'unica cosa che poteva essere rilasciata gratuitamente, essendo le immagini protette dal copyright.
Il Gothic Translation Project (GTP) Team ha tradotto il testo in italiano per tutti i fan della saga.

Come vedrete, il comic inizia con la pagina [05] perché i testi iniziano in quella pagina, mentre le precedenti sono immagini varie che quindi non sono state postate su World of Gothic. Buona lettura!


[05]
__________

(Si vede un avamposto, su una collina. È fatto di palizzate in legno e ha 4 torri, una per ogni angolo.

Due scene si alternano:
  • Una veduta aerea delle guardie a letto. Dormono tutti, tranne un ragazzo, Milten, che è sveglio e sta pensando.
  • L'altra scena mostra l'armata degli orchi in marcia.)
MILTEN: Sono centinaia...
MILTEN: .. migliaia.
MILTEN: Credo di aver sentito la terra tremare sotto i loro passi...
__________
[6&7]
__________

(Primo piano del volto di Milten)

MILTEN: Presto raggiungeranno la fine degli altopiani nordici...
MILTEN: ...e invaderanno il nostro avamposto con facilità...
__________
[8]
__________

MILTEN: A volte mi chiedo cosa sarebbe successo se fossi rimasto con gli altri costretti dal Re a combattere gli orchi...
MILTEN: Probabilmente sarei già morto...
MILTEN: Ho preferito nascondermi per un po', e non c'era posto migliore di Khorinis...
MILTEN: La città era lontana dalle città centrali del regno e le persone qui non si curavano dell'esito della guerra.
MILTEN: Qui alla gente interessava solo una cosa: l'oro. Ed era facile da ottenere se si possedeva un po' di metallo magico, che era disponibile nella regione...
MILTEN: In molti devono avermi preso per un malintenzionato ai tempi.
__________
[9]
__________

MILTEN: Io preferisco piuttosto definirmi "Maestro nell'Arte del Vivere"!

(Milten sta gironzolando in un mercato affollato; dà un'occhiata ad una cassa di mele di un mercante.)

MILTEN: Alcuni avranno anche detto che avevo talento nella magia...

(Si avvicina alla cassa e, pensando di non essere visto, prende una mela. Ma due guardie lo notano.)

MILTEN: ...ma veramente pochi l'hanno apprezzato.

(Milten riesce a dare giusto un morso alla mela, quando le guardie lo catturano e lo tengono fermo.)

MILTEN: Purtroppo non tutti i crimini del mio passato potevano essere sotterrati...

(Il braccio di Milten viene sollevato ed è possibile ora vedere un tatuaggio sull'avambraccio.)

MILTEN: ...e sono finito qui in prigione, in attesa della sentenza.

(Viene gettato in una stanza oscura con le mani legate. Nella stessa stanza si intravedono le sagome di tre uomini.)
__________
[10]
__________

MILTEN: (si siede) Ciao...

(Gorn è seduto su una panchina. Alla sua sinistra c'è Lester, che ha ancora i suoi capelli biondi, e alla sua destra Diego, in piedi con una gamba sulla panchina e le braccia appoggiate sul suo ginocchio.)

MILTEN: Siete... mmm... siete qui da molto?
MILTEN: Voglio dire... è una cella temporanea o è la prigione vera e propria?
MILTEN: Perché... non ho commesso un gran crimine. Ho solo rubato una mela e...
GORN: Sei stato gettato qui per aver rubato una mela??
__________
[11]
__________

MILTEN: Sì e no. Sono stato catturato per il furto della mela, poi le guardie reali mi hanno perquisito per controllare se avevo rubato altro e hanno trovato questo stupido marchio sul mio braccio.
DIEGO: Oh, sei un disertore quindi... per forza allora che sei stato buttato in questo posto.
MILTEN: Perché? Cos'ha di speciale "questo posto"?
DIEGO: Questa è la cella per le sentenze a vita, ragazzo mio.
DIEGO: È il posto per assassini, rapitori, ladri di metallo, e fuggitivi, come te...
GORN: Non sapevi che da quando è iniziata la guerra contro gli orchi, disertare è uno dei peggiori crimini nel regno? La guardia cittadina ha i suoi occhi puntati su chiunque sia minimamente sospetto...
__________
[12]
__________

MILTEN: Intendi dire che rimarremo in questa cella a vita?!
GORN: Non sei di qui, vero?
MILTEN: No. Vengo da Sendar. Ero un soldato della fortezza dell'altopiano del nord.
MILTEN: Perché me lo chiedi?
LESTER: Perché chiunque viva in questo posto sa cosa accadrà a chi riceve una sentenza a vita...
MILTEN: Di cosa stai parlando?
LESTER: Hai mai sentito parlare della "Cupola"?
MILTEN: Ehm, mi spiace ma... no.
LESTER: Gorn, diglielo...
GORN: Bene ragazzo, ascolta: dato che sei nuovo della città e sei ancora giovane, potresti pensare che questa sia un'opportunità per mettere le mani su un po' di metallo magico...
GORN: ...comunque, lascia che ti spieghi cos'è la Cupola...
GORN: Si tratta della zona dove sono le miniere reali. E' la prigione di Khorinis.
MILTEN: E perché è chiamata "la Cupola"?
GORN: Lasciami spiegare...
GORN: Dicevo, è chiamata così perché c'è una barriera magica tutt'attorno alla Colonia Mineraria. E questa barriera ha la forma di una sfera, dunque se sei di fianco ad essa ti sembra, appunto, una gigantesca cupola.
MILTEN: Ma chi possiede un potere magico così grande da creare una cosa simile, nel nome di Gotha?!

__________
[13]
__________

GORN: Venti anni fa il Re convocò i migliori 12 maghi del regno, per crearla. Avevano pianificato di farla un po' più piccola di com'è ora, ma accadde qualcosa di strano e la Barriera si estese così tanto da inglobare anche gli stessi maghi.
GORN: Questa dannata barriera ti permette di entrare, ma non ne uscirai mai più. Non vivo, per lo meno.
GORN: Da allora la prigione si gestisce da sola ormai; molti soldati all'interno sono morti durante la ribellione dei prigionieri.
GORN: I maghi non sono stato toccati, perché hanno tutti paura della loro magia. E comunque sperano tutti che prima o poi riusciranno a distruggere la Barriera.
GORN: Il nostro buon Re Rhobar, venuto a conoscenza di questa situazione, ha voluto fare un accordo coi prigionieri. E ora offre loro cibo, vestiti, medicine, alcol, tutto ciò che chiedono.
GORN: In cambio del metallo magico che loro estraggono, naturalmente, perché senza di quello la guerra è persa in partenza.
GORN: Dentro la Barriera si è formata una nuova gerarchia. Alcuni tizi che si fanno chiamare "Baroni delle Miniere" sono i più forti nella Colonia e controllano tutto ciò che viene scambiato con il mondo esterno.
Se mai vorrai qualcosa dovrai estrarre il metallo magico dalle miniere per loro. È l'unica merce di scambio che riescano a comprendere. Sono loro che scambiano merci col Re.
Così è nato un nuovo giro d'affari, e i Baroni delle Miniere vogliono anche farlo durare, perché là dentro sono i dominatori supremi, ma qui fuori non sarebbero altro che polvere.
GORN: Alcune persone si sono create il proprio giro d'affari, e il loro campo, chiamato poi Campo Nuovo. Il loro sistema economico è basato sulla coltivazione del riso. Di tanto in tanto rubano quello che possono dalle merci di Campo Vecchio. Quindi non c'è da meravigliarsi se i due campi non sono in buoni rapporti reciproci.
Inoltre, a Campo Nuovo si è formata la gilda dei "Maghi dell'Acqua", in contrasto con i maghi di Campo Vecchio.
__________
[14]
__________

GORN: Dopo tutto questo, una nuova setta si è formata alcuni anni fa. I suoi membri sono completamente tatuati con strani simboli, e hanno tentato, attraverso la meditazione, di scoprire la propria coscienza interiore e altre stronzate del genere...
GORN: Da quando la situazione all'interno della cupola si è stabilizzata, sono note solo poche notizie di quanto accade all'interno. A volte si sentono delle voci, ma, per qualche ragione, il re e i Signori di Khorinis tengono queste informazioni segrete, così soltanto in pochi sanno cosa accade realmente nella prigione.
MILTEN: E quando saremo portati lì?
GORN: Tra poche settimane, quando la luna dell'Unicorno sarà completa.
MILTEN: Naa, c'è ancora tempo prima che accada...
MILTEN: Mi chiamo Milten. Milten Plescott. E voi chi siete?
GORN: Mi chiamo Gorn. L'amico qui è Diego, e il tizio laggiù vicino alla finestra si chiama Lester.
LESTER: Non ho motivo di stare qui. In questo stesso momento il mio avvocato sta trattando con il Concilio Superiore affinché io venga rilasciato.
__________
[15]
__________

DIEGO: Non ascoltare le stronzate che racconta. Chiunque qui è colpevole di qualcosa. Lester qui è un tantino suonato, ma del resto è un tipo apposto.
MILTEN: Cos'ha fatto?
DIEGO: Le guardie lo hanno arrestato per roba di poco conto e quando ha tentato di fuggire, ha ucciso due di loro.
MILTEN: E voi, invece, cosa avete commesso per esser gettati qui?
DIEGO: Sei davvero curioso, ragazzo...
MILTEN: Milten. Mi chiamo Milten.
DIEGO: Va bene... Milten, è tutto a posto no? Hai ragione, abbiamo tempo a sufficienza...
__________
[16&17]
__________

(I quattro sono in piedi vicino al bordo della Barriera, e possono vedere al suo interno. Dietro di loro ci sono delle guardie con dei giavellotti, e un Giudice che sta leggendo una pergamena.)

GIUDICE: Nel nome di sua Maestà Re Rhobar II, ...
GIUDICE: ... portatore dello Scettro di Varant...
GIUDICE: . il solo che ha unito i quattro Regni Myrtaniani...
GIUDICE: ... l'uomo dei tre Dei, e governatore del sommo Dio, Ra...
GIUDICE: ... Io condanno questi 4 detenuti alla prigionia nelle miniere di metallo magico di Khorinis.
GIUDICE: Dovranno lavorare in quel luogo, per il resto della loro vita, finché i crimini da loro commessi non saranno perdonati...
LESTER: Riesco a vedere un insediamento laggiù.
GORN: Mmm... penso sia Campo Vecchio.
DIEGO: Cosa accadrà quando attraversiamo la Barriera?
GORN: Se ci provi, andrai in stato confusionale per un po'. Alcuni ci hanno tentato e sono finiti in quel lago laggiù...
GORN: Quando cadrete nell'acqua, farete meglio a nuotare seguendo le bolle d'aria, così potrete raggiungere la superficie...
MILTEN: Spero che tutto ciò abbia presto fine...
DIEGO: Bene, ragazzi, ci rivedremo laggiù... speriamo...
SOLDATO: Muovetevi sacchi di immondizia, o non raggiungerete il suolo da vivi!
(Milten viene spinto con un giavellotto, sulle spalle, e i quattro cadono nella Barriera... )

DIEGO, GORN, LESTER, MILTEN: Ahhhhhh!!!

(... nel lago. Milten sta nuotando verso la superficie, dove è visibile un teschio.)

__________
[18]
__________
(In un'arena buia, qualcuno suona il gong, quindi le torce si accendono.)

QUALCUNO: Che inizi il combattimento.
SPETTATORE: ULGOOR!! Dagliele a quello stronzo!!!
DIEGO: Allora? Su chi hai intenzione di scommettere, Gorn?
GORN: Che razza di domanda è questa... su Orik ovviamente! E' anche la mano destra di Lee.
FOLLA: Orik!! Orik!! Orik!!
SPETTATORE: Uccidilo!
SPETTATORE: Dagliele di santa ragione!
FOLLA: Ulgor! Ulgor! Ulgor!

(Un uomo grosso e massiccio, con una grande ascia, uno scudo, elmo e protezione sulla spalla destra chiodati - Ulgor - combatte contro un avversario relativamente più piccolo ma molto agile - Orik, armato di spada e scudo.)

DIEGO: Pensi che possa battere Ulgor?
GORN: Certo! Questo maiale ubriaco, Ulgor, a malapena riesce a stare sulle sue gambe! Guardalo!!
GORN: Vi dico una cosa: voi ragazzi, qui a Campo Vecchio, vivete con troppi eccessi, in particolare con l'alcol! Se le vostre guardie, un giorno, dovessero pianificare di attaccarci, dovrebbero come minimo masticare un sacco di menta, altrimenti la puzza dell'alcol si sentirebbe a miglia di distanza!

__________
[19]
__________
DIEGO: E voi ragazzi di Campo Nuovo dovreste tenere a bada i vostri sporchi ladri. Uno di questi giorni i Baroni delle Miniere scateneranno la guerra tra i 2 campi.
MILTEN: Ora basta, non iniziamo a discutere, e guardiamoci il combattimento.
FOLLA: UCCIDI! UCCIDI! UCCIDI!
FOLLA: Ulgor! Ulgor! Ulgor!
SPETTATORE: ATTACCA!!
LESTER: Ehi, guarda: quel Barone delle Miniere, insieme alla sua scorta, sta salendo nella galleria!
DIEGO: Quello è il Barone delle Miniere, Gomez. E' lui che organizza i combattimenti nell'arena, per questo ottiene il miglior posto a sedere.

(Gomez è un uomo corpulento. Non indossa armature ma qualcosa simile agli abiti di un Re. Ha alcune guardie intorno a lui e una donna con indosso solo un bikini. Schiaffeggia la donna.)

GORN: E picchiare le donne è ovviamente un hobby, per lui...
DIEGO: Mmm, hai proprio ragione...
GORN: ...Questo stronzo meriterebbe di venir gonfiato per bene! Un vero peccato che si mostri soltanto con le guardie intorno.
(Gomez si siede sul trono. La ragazza è seduta accanto a lui sul pavimento.)

__________
[20]
__________

(Orik è a terra.)

FOLLA: UCCIDI! UCCIDI!
FOLLA: Ulgor! Ulgor!
SPETTATORE: Orik! Alzati!!
DIEGO: Dovresti stare attento a quello che dici, Gorn.
DIEGO: Anche se le persone sono molto pacifiche qui, ti trovi comunque in territorio nemico. C'è gente che ti venderebbe volentieri ai Baroni del Metallo in cambio di poche monete.
MILTEN: Sì, per esempio te, Diego...
DIEGO: Io? Perché mai pensi una cosa simile?!
MILTEN: Oh dai, sono sicuro che ricevi denaro extra, passando informazioni ai Baroni delle Miniere, dopotutto sei un'Ombra...
DIEGO: È vero, ma non tradirei mai gli amici.
FOLLA: Orik! Orik!
SPETTATORE: Ammazza quel grasso maiale!

(Orik riesce a colpire Ulgor con la spada, lasciandogli una profonda ferita.)

SPETTATORE: SÌ!
LESTER: Ehi, Gorn, sembra proprio che hai puntato i soldi sull'uomo giusto...

(Gorn si allontana all'improvviso.)

LESTER: ... Gorn?!

__________
[21]
__________
(Gorn vuole entrare nella taverna dell'arena.)

GUARDIA: Ehi, FERMO DOVE SEI! È vietato l'accesso a quelli di Campo Nuovo!
GORN: Mi stai prendendo in giro, vero? Voglio solo una birra.
GUARDIA: Non me ne frega un accidente di quel che vuoi! Il Barone delle Miniere non vuole nessuno di voi nei paraggi, mentre assiste al combattimento!
GORN: Beh, allora sali dal tuo capo e controlla che non se la sia fatta addosso. Da dove vengo io, gli avversari sono invitati ad una festa prima di essere uccisi.

(Gorn si volta indietro per andarsene.)

GUARDIA: Oh davvero?!

(La Guardia scaglia una lunga catena dietro a Gorn.)

GUARDIA: E da dove vengo io, non si deve mai dare al proprio nemico.

__________
[22]
__________

(Gorn afferra la catena con la mano destra e la tira, facendo cadere la Guardia.)

GUARDIA: Uuh!

(Gorn si piega in avanti verso la Guardia che giace a terra.)

GORN: ... le spalle?

(Arrivano altre due Guardie, interviene pure Lester per aiutare Gorn, poi Milten entra e si piazza tra le Guardie e i suoi amici.)

MILTEN: (alle Guardie) Ehi! Ehi! Ehi! Calmatevi gente. Per piacere mettete vie le vostre armi.

(Una Guardia aiuta il compagno che giace a terra ad alzarsi.)

GUARDIA: (mentre si rialza) Cosa significa tutto questo, Mago?! Stai insieme a loro?!?
MILTEN: (trattenendo Gorn) Io semplicemente non voglio guai. (agli amici) Forza ragazzi, andiamocene da qui...

(I quattro amici se ne vanno, mentre la donna accanto a Gomez li osserva.)

GUARDIA: (gridando contro Gorn) Ci rivedremo presto, maledetto bastardo! Semmai ti dovessimo beccare di nuovo, sei un uomo morto!!

__________
[23]
__________

La mattina seguente...

(Milten entra in una stanza, dove c'è un anziano mago, che sta guardando fuori dalla finestra, dandogli le spalle.)

MILTEN: Volevate parlare con me, maestro Corristo?
CORRISTO: Sì, Milten, avvicinati...
CORRISTO: Mi è giunto all'orecchio che c'è stato un incidente nell'arena, e che tu eri coinvolto...
MILTEN: Oh quello... non è stato nulla, maestro, si è trattato solo di una piccola discussione. Accadono di tanto in tanto...
CORRISTO: Vorrei che tu interrompessi ogni rapporto con queste persone, che chiami tuoi amici.
MILTEN: Ma...
CORRISTO: (voltandosi) SILENZIO! Pensi di poter rimanere mio allievo, mentre fai amicizia con le gente comune, e peggio ancora - di Campo Nuovo?!
CORRISTO: (si avvicina a Milten, puntandogli un dito contro) È ovvio che non ti rendi conto dell'onore di essere ammessi tra i Maghi del Fuoco. Ho dovuto convincere i miei confratelli che tu eri degno di riceverlo!

__________
[24]
__________


CORRISTO: Ragazzo mio, quando arrivasti qui per la prima volta, mi accorsi immediatamente del grande talento che possedevi. (afferra le spalle di Milten) E ora stai distruggendo te stesso unendoti a questa feccia...
CORRISTO: (si volta indietro e va nella direzione opposta con le braccia sollevate) Onestamente ora, non riesco a capire perché sprechi la tua esistenza con questa gente. Cosa mai potranno darti che non possiedi già?
CORRISTO: Non capisci? Tu sei un prescelto. (si avvicina di nuovo a Milten, e indica con il braccio sinistro il mondo all'esterno della finestra) Questi vermi lavorano giorno dopo giorno, nelle miniere, per guadagnarsi da vivere. Mentre noi possiamo restare qui, e fare quel che vogliamo!

(Milten e Corristo guardano fuori dalla finestra le persone che lavorano a Campo Vecchio.)

CORRISTO: Ci forniscono tutto quello che ci serve, perché ci rispettano. Persino i Baroni delle Miniere e la loro gente devono lavorare duramente per assicurarsi che sia tutto in perfetto ordine... ma noi...?

(Milten abbassa la fronte, guardando il pavimento.)

CORRISTO: Stai rovinando la nostra reputazione, trascorrendo del tempo con questa gente, quindi d'ora in poi non li incontrerai mai più...
CORRISTO: Tra l'altro, i tuoi amici sia sono fatti un nemico, Brabak, la guardia del corpo di Gomez. Ho sentito dire che intende vendicarsi...

__________
[25]
__________

CORRISTO: . Peggio ancora, il tuo amico Mercenario è di Campo Nuovo.

(Gorn corre lungo un fiume. All'improvviso vede cinque persone in attesa dietro ad un albero. Si ferma, e gli uomini iniziano ad avvicinarsi a lui.)

QUALCUNO: (il primo in fila) Bene, bene chi l'avrebbe detto... chi abbiamo qui. ?
AGGRESSORE: Non sembra quel grosso tizio, che ieri si trovava all'arena?
QUALCUNO: (il primo) Sì, che strana coincidenza. Brabak ci ha proprio ordinato di occuparci di lui. L'inverno è vicino, ha bisogno di un nuovo mantello... (da dietro un albero sbucano altre due persone, con le armi sfoderate) . e ci ha detto di farne uno con la tua pelle. Non hai nulla in contrario, vero?

(I sette uomini si avvicinano, con le armi sguainate: spade, asce, bastoni chiodati. Gorn impugna la sua ascia gigante, che porta sempre sulle spalle.)

__________
[26]
__________

(L'ascia di Gorn colpisce il primo nemico, che crolla a terra.)

AGGRESSORE: Cosa vi prende?! Forza attaccatelo!!
AGGRESSORE: YEAAAHHHH!!!

__________
[27]
__________

(L'avversario seguente si prepara a provare l'ascia pesante di Gorn.)

SCHLITZ!


(Nel frattempo arriva il successivo, che viene steso con un calcio allo stomaco.)

TOCK!

(Gorn colpisce con l'ascia il mento di un altro, facendogli saltare uno dei suoi denti.)

PACK!

(All'improvviso qualcuno giunge alle sue spalle con un giavellotto. )

AGGRESSORE: AAHH!!

(. e trafigge Gorn al fianco.)

GORN: UUGGH!

(Mentre Gorn estrae il giavellotto che l'ha trafitto... )

GORN: HNNG!

(... qualcun altro lo colpisce con la spada.)
__________
[28]
__________

(Gorn giace a terra. I nemici rimasti si avvicinano. Qualcuno calpesta la mano con cui Gorn stava maneggiando l'ascia.)

AGGRESSORE: (puntando la spada alla gola di Gorn) Così, onorevole guerriero.

(Si alza il vento.)
SSSSSSSSSSSS

AGGRESSORE: . preparati ad incontrare il tuo creatore...

(Il vento soffia sempre più forte; gli alberi iniziano a piegarsi.)

AGGRESSORE: ... chiunque esso sia... (Si accorge del vento.) Cosa diavolo.?

__________
[29]
__________
WHOOSH!
(Gli aggressori vengono spazzati via da un forte vento.)

AGGRESSORE: AAHH!!

(Vengono buttati giù da una scogliera, dove rimangono privi di sensi - si intravede la figura di un uomo nell'oscurità; un oggetto fluttua sulla sua mano.)

LESTER: Mmm... Non male...
GORN: Lester? Cosa...?
LESTER: (tiene in mano una pietra che emana un bagliore, grande più o meno quanto un pugno) Mi sono ritrovato per caso nelle vicinanze delle miniere. Quando ho visto che quegli uomini ti hanno attaccato, mi è venuto in mente di usare questa Pietra Focalizzatrice che ho recentemente ottenuto. E io che pensavo di non trovarne l'utilità...
LESTER: (si piega verso Gorn) Dai alzati. Questi tizi si alzeranno presto e noi non dovremmo essere qui quando accadrà.

(Lester afferra Gorn e i due se ne vanno.)

AGGRESSORE: (si sveglia lentamente e si massaggia la testa) Argh!!!

__________
[30]
__________

AGGRESSORE 1: Dannazione, dove se n'è andato quel tizio?
AGGRESSORE 2: (si alza, stanco, massaggiandosi il collo) Argh.
AGGRESSORE 3: (giacendo a terra) Ugh!
AGGRESSORE 1: Forza, cerchiamolo; non può essere andato così lontano!
LESTER: Ragazzo, sei pesante come un Ogre incinta.

(Lester lascia giù Gorn. Torna indietro un po' di passi e si nasconde dietro un tronco d'albero per tener d'occhio gli inseguitori.)

LESTER: Merda, sono ancora dietro di noi. Procedendo a questa velocità, ci troveranno a breve!

(Gorn sprofonda nella terra.)

__________
[31]
__________

LESTER: (si volta verso Gorn) Dai Gorn, dobbiamo andarcene...

(Gorn era sparito, cadendo in una buca vicino a dove era seduto.)

LESTER: (guarda nella buca per cercarlo) Gorn...?
GORN: Argh.
LESTER: Ehi, ottimo, hai salvato la nostra vita. Ora dobbiamo solo camuffare questa buca...

(Lester entra nella buca e la copre con rami e foglie.)

LESTER: Arrivano...
AGGRESSORE 1: Mmm, non riesco a vedere nessuno... Cerchiamo un altro po', dopodiché torneremo indietro.
AGGRESSORE 2: Bene.

__________
[32]
__________

LESTER: Se ne sono andati... (Si gira verso Gorn.) Sembri messo male, amico... (Osserva Gorn da più vicino.) Sembra che questi tizi si siano davvero presi cura di te, dobbiamo trovare qualcuno che ci aiuti.
LESTER: (Si guarda intorno.) Ma dimmi, dove ci troviamo?

(I due si rendono conto che la "buca" è in realtà l'entrata per una grande caverna. Dentro ci sono dei funghi, dal bagliore verdastro. Ancora più in basso, c'è un laghetto. Un pipistrello vola intorno allo scenario. Ci sono tante stalagmiti e stalattiti.)

__________
[33]
__________

Il giorno seguente...

(Tutti e quattro gli amici si trovano nella caverna. Milten si prende cura di Gorn, che giace su una coperta stesa per terra. Vicino a Milten c'è una scatola, su cui c'è una provetta.)

DIEGO: Sei stato molto fortunato a riuscire a scappare dagli uomini di Brabak. Qualcuno mi ha detto che era arrabbiatissimo quando ha scoperto che Gorn è ancora vivo. Se fossi in Gorn non avrei il coraggio nemmeno di avvicinarmi a Campo Vecchio in questo momento.
LESTER: E per quanto riguarda voi due? Brabak non vuole anche le vostre pelli?
DIEGO: No, non ancora, ma ho notato che alcune persone non hanno più così fiducia in me, specialmente adesso che ho amici di Campo Nuovo. Milten è intoccabile in quanto novizio dei Maghi.
MILTEN: (guardando Diego e Lester) Fidatevi, la vita di un novizio del Fuoco non è così rosea come potrebbe sembrare. Questi vecchi bastardi si sono rassegnati a vivere dentro la Barriera per tutta la loro esistenza. E quindi si comportano di conseguenza. Me ne andrò da questo mucchio di rifiuti alla prima occasione.
LESTER: Non c'è davvero modo di aprire un varco nella Barriera?
MILTEN: I Maghi del Fuoco hanno provato di tutto, senza successo.
LESTER: Ma i Maghi del Circolo dell'Acqua continuano a cercare un modo, giusto Gorn?
GORN: Esatto. Raccolgono metallo magico il più possibile, perché l'energia ammassata dentro al metallo permetterà loro di far esplodere la Barriera. Ma nessuno sa se effettivamente funzionerà...
__________
[34]
__________

DIEGO: Dobbiamo assolutamente sopravvivere per vedere se riusciranno o meno a distruggere la Barriera!
MILTEN: Diego ha ragione. Se non facciamo presto qualcosa per fermare Brabak e I suoi uomini, non ci resterà molto tempo da vivere.
LESTER: Cosa suggerisci? Di sbarazzarci di lui?
MILTEN: No, così sarebbe troppo ovvio. Se lo facessimo, ci faremmo nemici ancora più potenti. E non dovremmo farlo. Dobbiamo trovare il modo di uccidere Braback senza farci nemici tra i Baroni delle Miniere.
DIEGO: E cos'hai in mente di fare?
MILTEN: Semplicemente sfrutteremo le circostanze a nostro vantaggio. (sorridendo) E credo già di sapere come...

__________
[35]
__________

(Le merci vengono caricate su reti, con una fune. Ci troviamo al posto di scambio, dove Campo Vecchio commercia con il mondo esterno. Molti barili, casse e sacchi sono poggiati in giro, per essere poi caricati su un carretto.)

LAVORATORE 1: E allora? Andrai nell'arena stanotte?
LAVORATORE 2: (trasportando una cassa) Certo... non voglio perdermi questo combattimento... (posando per terra la cassa) Uff!

LAVORATORE 1: Allora dobbiamo sbrigarci, altrimenti troveremo di nuovo i posti migliori già occupati.
LAVORATORE 2: Mmm.

(Dietro un cespuglio, vicino ai lavoratori, c'è un barile, con legata una fune che parte da altri cespugli; Milten and Gorn sono dietro quei cespugli e hanno afferrato la fune.)

GORN: Ho ancora qualche dubbio riguardo questo piano, Milten...
MILTEN: Non ti preoccupare. Se Lester fa bene quel che deve fare, le guardie non si accorgeranno di nulla.
MILTEN: Pronto, ci siamo!
__________
[36]
__________

LAVORATORE 3: Che cosa cerchi qui? Siamo occupati!
LESTER: Lo vedo, è il motivo per cui sono qui. Vorrei proporvi un piccolo affare.
LAVORATORE 4: Noi stiamo lavorando, non come voi matti! Torna indietro dai tuoi fratelli della Setta!
LESTER: (afferra un piccolo sacco) Non volete prima sapere che cos'ho da offrire?

(Tutti guardano verso Lester.)

MILTEN: Ora!

(Gorn e Milten tirano la corda. Così il barile rotola fuori dai cespugli, dove era nascosto).

LAVORATORE 5: Erba di palude, eh?
LESTER: Sì, ma è di un tipo di qualità molto buona, che non avete ancora provato, perché normalmente la teniamo solo per noi.
GUARDIA 1: Comunque, noi non commerciamo finché riceviamo le merci dal mondo esterno! Le merci devono essere prima portate al magazzino, così i Baroni delle Miniere possono controllarle. Ora fuori di qui, folle!!!
LESTER: (Si volta.) Va bene, va bene, me ne sto andando...
GUARDIA 2: (ai lavoratori) E voi mettetevi a lavoro, vogliamo finire l'incarico qui il più velocemente possibile! E non dimenticate il barile rovesciato, laggiù!

(L'ultimo barile viene caricato in cima al carro.)

GUARDIA: Ben fatto, ora sparite da qui!



__________
[37]
__________

Quella sera.

(A Campo Vecchio; un rumore proviene dall'arena.)

FOLLA: BENWICK! BENWICK! BENWICK!
SPETTATORE 1: Uccidilo!!
SPETTATORE 2: Difenditi, rammollito!!
SPETTATORE 3: Non ha possibilità!!

(Nel magazzino del castello: ci sono molte casse, scatole, barili e sacchi. Qualcuno sta uscendo da un barile; è Diego. Controlla gli scaffali e mette alcuni oggetti in dei sacchi. Trova anche un sacco pieno di minerale magico, e se lo porta via.)
__________
[38]
__________


(Per uscire dal magazzino, Diego spinge da parte alcune assi del soffitto e si arrampica sul tetto. )

FOLLA: BENWICK! BENWICK! BENWICK!

(Due guardie, che si trovano vicino la parete del magazzino, stanno guardando verso l'arena. Sullo sfondo, sul tetto del magazzino, Diego avanza furtivamente.)

GUARDIA 1: Il combattimento sembra essere entusiasmante stasera.
GUARDIA 2: Mmm, maledizione, e noi abbiamo il turno di guardia proprio adesso.

(Dall'altro lato del magazzino Diego cala i sacchi con una corda, quindi scende giù. Mette i sacchi in spalla e si dirige diagonalmente verso il cortile del castello. Due guardie lo individuano.)

GUARDIA 3: Ehi, Garak, l'hai visto?
GUARDIA 4: Strano. vai a controllare, io starò qui.
GUARDIA 3: Va bene.

(Diego si dirige in un vicolo buio.)

GUARDIA 3: Ehi, tu là! Vieni fuori così posso vederti!

(un Mago appare dall'oscurità del vicolo.)


__________
[39]
__________

MILTEN: Sì, che cosa vuoi?
GUARDIA 3: Oh, maestro Milten. Ah, io pensavo, qualcuno ha. non lo sapevo.
MILTEN: Tu verme primitivo non dovresti pensare. Ritorna al tuo posto, velocemente!!!
DIEGO: (pochi metri dietro Milten) È andato?
MILTEN: No non ancora, ma se l'è bevuta, credo.
MILTEN: (punta il dito verso l'alto) Devi arrampicarti lì e aprire quella finestra. Quella dovrebbe essere la stanza di Brabak.
DIEGO: E sei sicuro che non sia all'interno?
MILTEN: Sì, tutti eccetto le guardie, sono all'arena a guardare il combattimento.
DIEGO: Bene, speriamo che tu abbia ragione.

(Diego si arrampica fino alla finestra e prova a forzarla per aprirla con un coltello. Milten è giù e osserva il cortile del castello, per vedere se sopraggiunge qualcuno. Diego entra nella stanza, cala giù una corda; Milten lega i sacchi con la corda, e Diego li tira su. Poi Milten si arrampica su, mentre Diego porta l'ultimo sacco all'interno.)
DIEGO: Wohow, il nostro amico Brabak vive in maniera agiata qui.
UNA VOCE SULLO SFONDO: Posso chiedere che cosa state facendo qui?!

__________
[40]
__________

(Milten e Diego si voltano. Nella stanza c'è un grande letto, sulla parete destra ci sono due teschi di Orco, sulla parete sinistra c'è un armadio e uno scudo rotondo di metallo. Di fronte al letto c'è una donna sorpresa. È la donna che aveva accompagnato Gomez all'arena. Lei è vestita come lo era nell'arena: le sue gambe e il petto sono coperti con una stoffa leggermente trasparente.)

DIEGO: Noi, ahm. chi diavolo sei?!
MILTEN: E che cosa stai facendo nella stanza di Brabak?
DONNA: Questa non è la stanza di Brabak! Appartiene al Barone delle Miniere Gomez! Perché vi siete intrufolati qui?
DIEGO: Non sono affari tuoi!

(Diego si avvicina alla donna.)

DONNA: Resta dove sei! Se fai un altro passo in avanti, mi metto ad urlare come una pazza e le guardie saranno qui, più veloci di quanto pensi.
MILTEN: Tu sei l'amante di Gomez, giusto? Ti ho visto di recente all'arena.
AMANTE: Io non sono tanto la sua amante, quanto la sua serva!
MILTEN: Certamente. E tu indossi questa gonna solo perché fa molto caldo quando fai le pulizie, o cosa?
DIEGO: Maledizione Milten, che cosa facciamo adesso?! Appena varchiamo questa porta, lei manderà le guardie su di noi!! Sto pensando di sbarazzarmi di lei, proprio qui e adesso!
MILTEN: Ciò allarmerebbe comunque le guardie.
AMANTE: Ho una proposta. Non dirò nulla se voi mi fate un favore.
MILTEN: E quale sarebbe?



__________
[41]
__________

DIEGO: Se avessi deciso io, tu giaceresti nel tuo letto adesso, con la gola tagliata.
DONNA: Puoi scordartelo! E stai lontano da me!
MILTEN: (si ferma sull'uscio) Tutto è chiaro, possiamo andare.
DIEGO: Hai nascosto bene le merci?
MILTEN: Sì, Brabak le troverà solo se frugherà nella sua stanza a fondo.
MILTEN: Credo che la via sia libera.
DIEGO: Va bene, dunque andiamo.

(I tre corrono lungo il muro verso il cortile, fino a raggiungere un edificio. Milten e Diego trasportano i due rimanenti sacchi.)
MILTEN: Qui, nessuno ci troverà. I Maghi in questo momento dormono da un po'.

(Passano attraverso una stanza con una porta aperta.)

__________
[42]
__________

MILTEN: Maledizione! C'è il vecchio Drago, ancora in meditazione.

(Alla luce di una candela, accanto a una grande libreria, Drago siede con le gambe incrociate. Ha le mani giunte ed è immerso nella meditazione. Le sue mani emettono un bagliore magico verde)

MILTEN: Proseguite lentamente, come se nulla fosse.

(Gli occhi di Drago sono semichiusi. I tre passano dalla porta aperta. La donna è l'ultima che l'attraversa, e Drago viene distolto dalla sua meditazione.)

DRAGO: (i suoi occhi sono aperti; pensa) Hm?
DRAGO: C'è qualcuno?

(I tre scappano spaventati. Drago esce dalla sua stanza e vede solo chiudersi la porta alla fine del corridoio. I tre corrono sulle mura del castello, dal Tempio dei Maghi all'edificio successivo.)

MILTEN: Veloci, dentro la torre!!
DRAGO: (arriva dalla porta dietro di loro) GUARDIE!! Intrusi!!

(Nella torre: Milten e Diego bloccano le porte con delle travi.)

DONNA: Siamo intrappolati!
MILTEN: (a Diego) Sbarra anche l'altra porta, altrimenti le guardie entreranno in un attimo!

__________
[43]
__________

(Le guardie cercano di sfondare la porta della torre con una grossa trave. Drago aspetta impazientemente dietro di loro.)

DRAGO: Più forte, imbranati!! Voglio sapere chi si nasconde dietro quella porta!
GUARDIA: La porta è troppo resistente, potrebbe volerci un po'!

(I tre salgono la scala a pioli dentro la torre. Diego è già al piano superiore. Milten è un po' lento ed è l'ultimo.)

DIEGO: (grida da sopra) Sbrigati, Milten!
MILTEN: Mi dispiace... questo sacco è troppo pesante per me!
DIEGO: Lasciala lì!! Avevi detto che una sarebbe stata sufficiente.
MILTEN: Credo che tu abbia ragione. (lascia cadere il sacco)
DRAGO: Ci vuole troppo! Toglietevi di mezzo!!!

(Drago alza una mano circondata da una fiamma verdastra. E scaglia la magia contro la porta.)

FFFFSCHOMMM
(Il proiettile magico sfonda la porta... )

KRAAASCH
(... e colpisce il sacco sul pavimento. Nel sacco c'è del metallo magico.)

SSSSSS

MILTEN: Oh no! Il metallo magico. mettetevi al riparo!!!

(La magia esplode. E improvvisamente le mura della torre iniziano a creparsi.)

__________
[44&45]
__________

(Milten ha appena raggiunto il piano successivo.)

DIEGO: La torre sta per crollare. Dobbiamo uscire!!!

(I tre salgono la scala successiva, mentre la torre inizia a inclinarsi.)

MILTEN: Più veloci! Sbrigatevi!!

(La torre si inclina così tanto che la scala cade, e i tre corrono sul muro. Appena prima che la torre raggiunga il suolo e si schianti, raggiungono l'ultimo piano ed escono. La torre crolla su delle capanne di alcune abitanti dell'anello esterno di Campo Vecchio. Quelli che osservano la scena gridano e cercano di mettersi al riparo. Diego e Milten si aggrappano al ramo di un albero. La donna è riuscita ad afferrare le gambe di Diego.)

__________
[46]
__________

Alcuni giorni dopo...

(È il posto dove è situato il lago nel quale vengono gettati i nuovi arrivati attraverso la Barriera. Dal lago possono essere viste le sagome di alcune persone. Un po' più in là, all'ombra di un albero, sono seduti i quattro amici.)

LESTER: Dovete scusarmi per la mia stupidità, ma... Ancora non capisco cosa abbiamo guadagnato dopo tutto questo.
GORN:Questo perché continui a fumare erba di palude. Se avessi la mente annebbiata come te, non capirei niente neppure io...
DIEGO: Milten, diglielo tu...
MILTEN: Bene Lester, ascolta...
MILTEN: Come forse ricordi, tutta questa vicenda è iniziata perché Brabak ci stava col fiato sul collo. Dopo la nostra più o meno discreta faccenda, alcuni giorni fa, siamo entrati in possesso del sacco di metallo magico che volevamo.
MILTEN: Sapevamo che i Maghi di Campo Nuovo ne avevano bisogno per l'incantesimo che stavano pianificando. Così Gorn ha detto loro dove avrebbero potuto trovarne un intero sacco, e praticamente per nulla in cambio. Ha raccontato loro che un traditore di Campo Vecchio rubava regolarmente metallo magico, e che quindi poteva scambiarlo con altre merci per il suo interesse personale. Ha detto anche che avrebbe potuto portarli al luogo dove lo scambio sarebbe avvenuto...
MILTEN: Nel frattempo Diego ha iniziato a spargere la voce in ogni parte di Campo Vecchio. Ha detto le parole adatte alle persone giuste e dopo poco si è sparsa la voce che Gorn si stesse nascondendo in una grotta vicina al posto in cui gli uomini di Brabak l'avevano aggredito.
MILTEN: Naturalmente è giunta velocemente anche alle orecchie di Brabak.

__________
[47]
__________

MILTEN: Ha capito che questa era la possibilità per sistemare definitivamente Gorn, e questa volta di persona. Ma quando Brabak con i suoi uomini è arrivato lì, tutto quello che ha trovato era un grande mucchio di metallo magico.
MILTEN: Per loro sfortuna i Mercenari di Campo Nuovo sono arrivati nello stesso momento per appropriarsene.
MILTEN: Brabak e i suoi scagnozzi non avevano possibilità contro la superiorità in combattimento dei Mercenari. Sono stati intrappolati e nessuno ha notato la piccola carneficina.
MILTEN: Quando Brabak non si fece vivo il giorno dopo, la gente divenne diffidente. Girarono voci per cui egli sarebbe stato segretamente in affari con Campo Nuovo o con Campo Palude.
MILTEN: Di fatto, durante una perquisizione della sua stanza, hanno trovato una bella scorta di tutte le possibili merci, anche di valore - un segno di tradimento, anche per la guardia del corpo di un Barone delle Miniere.
MILTEN: Anche se qualcuno dovesse trovare Brabak e i suoi uomini, penseranno soltanto che abbia avuto una discussione con i suoi soci d'affari.
MILTEN: Comunque, con chi avesse voluto fare affari, e perché, non verrà mai fuori alla luce del sole.

__________
[48]
__________

MILTEN: Nessuno sarà mai in grado di dire cos'è successo, perché solo noi conosciamo la storia per intero.
DIEGO: Sì, e ora anche tu la conosci, Lester.
GORN: Forse non avremmo dovuto raccontargliela. Probabilmente domani chiunque nella Barriera la conoscerà.
LESTER: Ehi, rilassatevi, ragazzi. La mia bocca è sigillata.
MILTEN: (Punta un dito verso il lago.) Guardate, ci sono dei nuovi arrivati!
DIEGO: Sembra che ce ne sia uno solo questo mese...
MILTEN: Per fortuna eravamo in quattro quando siamo stati gettati qui. Non vorrei essere al suo posto.

(Quattro uomini circondano il nuovo arrivato. Uno lo prende per i capelli e lo spinge fuori dall'acqua, mentre gli punta contro un pugnale.)

FINE