Video-commento di Gamepro

Assieme alla preview su Arcania di cui si era parlato precedentemente, l'edizione di maggio della rivista Gamepro include anche un breve video-preview del gioco in questione. Il video riprende sotto molti aspetti la preview di GameStar. Di seguito ne troverete un trascritto in italiano.

Il gioco di ruolo Arcania inizia in maniera del tutto pacifica: sull'isola di Feshyr, l'eroe senza nome conduce la sua esistenza da pastore, ma improvvisamente alcuni accadimenti lo costringono a dedicarsi invece ad una vita di avventura. Il fatto che l'eroe non abbia nome, trova la sua ragione nelle tradizioni della saga di Gothic. Gli episodi precedenti finora sono stati pubblicati soltanto su PC, raggiungendo un notevole successo... e questo nonostante il gran numero di bug che usualmente li affliggevano. Il quarto episodio invece dovrebbe essere pubblicato puntualmente per il 3° trimestre del 2010, senza gravi bug, sia per PC che per XBox 360.

Arcania: Gothic 4 è un action-RPG. Come in Oblivion, Divinity II e Two Worlds, è spesso necessario affrontare in tempo reale degli avversari, in questo caso dei Molerat. Il sistema di combattimento ricorda quello di Fable II, in quanto è necessario cliccare nel momento giusto per concatenare dei colpi e quindi costruire man mano combo sempre più potenti. Un lieve alone luminoso attorno all'arma impugnata indica il momento migliore per scatenare il prossimo colpo. Ma attenzione, una barra della “resistenza” limita il personaggio a combo di una certa durata e lo costringe ad atteggiamenti difensivi di tanto in tanto per recuperare energia. Una volta eliminati i nemici, come ricompensa appaiono oggetti — in questo caso della carne — che possono essere riutilizzati nel complesso sistema di crafting previsto.

Come in ogni RPG che si rispetti, sarà presente anche la magia: le tre divinità che governano il mondo di Arcania si riflettono in 3 tipologie diverse di magia da utilizzare. I seguaci di Innos potranno, ad esempio, scatenare delle palle di fuoco. Col salire dei livelli, si potrà potenziare la palla di fuoco fino a raggiungere il potente incantesimo “Inferno”. Quest'ultimo scatena un autentico incendio, capace di dar fuoco ai nemici e quindi danneggiarli nel tempo. Un classico effetto di “damage over time”, o DoT in breve. In aggiunta saranno presenti anche delle rune, che permettono all'eroe di acquisire ulteriori facoltà magiche. Ad esempio la possibilità di correre senza perdere punti resistenza.

Oltre all'idilliaco paesaggio di superficie, saranno presenti anche molti dungeon. Questa grotta si trova ancora sull'isola del tutorial e quindi è relativamente piccola e popolata da soli ratti. Più avanti nel gioco saranno presenti anche enormi caverne e costruzioni sotterranee.

Non esiste RPG senza quest: in Arcania ne saranno presenti svariate tipologie. A volte l'eroe dovrà trovare un particolare oggetto, a volte eliminare un determinato numero di creature oppure — come in questo caso — un goblin in particolare. Chi riesce a portare dalla sua parte le 5 fazioni presenti nel gioco, potrà contare su un ragguardevole numero di quest in aggiunta a quelle previste normalmente dalla trama del gioco.

Le capacità di miglioramento dell'eroe non si limitano alle facoltà magiche, ma si estendono anche alle facoltà normali: infatti inizialmente utilizzare l'arco sarà un'autentica tortura. La mira dell'eroe lascia molto a desiderare ed i colpi che vanno a segno non infliggono molti danni. Dopo aver migliorato la propria abilità da cacciatore, la caccia ai cervi è decisamente più facile. Naturalmente, in questa versione preliminare di Arcania, le abilità non sono ancora finali. Attualmente gli sviluppatore lavorano ancora a bilanciamento del gioco ed anche l'interfaccia verrà ancora modificata.

A differenza di Dragon Age e Risen, il gioco non viene sviluppato per PC e poi convertito alla meno peggio per console. Nel caso di Arcania lo sviluppo procede in parallelo: per fare un confronto tra le due versioni vi mostriamo delle scene dalla versione per PC (3:15) che mettono in mostra il sistema di combattimento contro alcuni saprofaghi. Durante lo scontro l'eroe dovrà regolarmente recuperare le forze, schivare i colpi e riposizionarsi correttamente. Chi punta su una semplice sequenza di colpi perderà molto in fretta. Ma anche per il combattimento vale la regola che, fino al giorno del rilascio, Spellbound lavorerà alacremente per migliorate il bilanciamento e regolare gli ultimi dettagli. Fin da ora è chiaro però che stavolta il salto della saga da PC a console potrebbe riuscire con successo.