Spellbound su Gameswelt

World of Gothic ha segnalato uno degli inserti video, che la rivista online Gameswelt produce regolarmente sotto il titolo "Insert Coin". Attualmente si occupa degli sviluppatori tedeschi e nella puntata più recente il redattore Felix Rick ha intervistato anche Spellbound, la software house che si è occupata dello sviluppo di Arcania.

Dall'intervista, che inizia al minuto 23:00, si scopre che Spellbound sta attualmente lavorando ad un nuovo progetto ancora segreto e sta continuando a sviluppare anche Ravensdale, un progetto in cantiere da diverso tempo e che ha avuto il ruolo di demo e base tecnica dal quale è partito lo sviluppo di Arcania. Il gioco sembra avere un tono steampunk e sarà un action/puzzle dai toni piuttosto simili ad Arcania (se non altro dal punto di vista grafico).

Nel video "Insert Coin", purtroppo, non si fa menzione di Arcania, ma su Gameswelt c'è un altro video in cui gli sviluppatori rispondono ad alcune domande. Parlano in particolare di ciò che reputano non abbia funzionato a dovere durante lo sviluppo del 4° episodio di Gothic. Secondo Andrea Speer (CEO Spellbound) il problema maggiore è stato il posizionamento errato sul mercato del titolo. Adrian Goersch (CFO) aggiunge che JoWood voleva assolutamente un gioco con un orientamento più casual, per permettere un approccio più facile da parte del pubblico. Successivamente però il prodotto è stato marchiato come parte della saga di Gothic, combinando due segmenti di mercato poco compatibili. Un secondo problema secondo Goersch è stato causato dai problemi finanziari di JoWooD: a causa dei tagli alla produzione non è stato possibile produrre contenuti a sufficienza, secondo i desideri degli sviluppatori Spellbound.

A proposito dell'addon di Arcania, Speer assicura che il prodotto è finito da diverso tempo e che secondo lui la qualità sia decisamente superiore a quella del gioco principale, per cui spera che venga pubblicato in qualche modo.

Traduzione dal tedesco all'italiano a cura di Lck.