Recensione di RPGWatch.com

Data di pubblicazione: 13/10/10
Di VoxClamant.

(Fonte originale)

Questa è una recensione davvero difficile da scrivere. ArcaniA è stato sviluppato per i GDRisti casual, che sicuramente lo apprezzeranno molto. Credo perfino che ArcaniA contribuirà a creare una nuova generazione di GDRisti che vorrà presto provare i GDR tradizionali. Ma ArcaniA verrà anche giudicato dai GDRisti classici, che lo considereranno un bel passo indietro rispetto a Gothic 3. La valutazione di ArcaniA dipende in buona parte dal tipo di occhiali che state indossando - quelli da GDR casual o quelli da GDR classico.

Una recensione del gioco che la maggior parte della gente si aspetterebbe di vedere, considerandolo il successore di Gothic 3 nello spirito di un GDR classico, considererebbe ArcaniA un capitolo davvero deludente. Parliamo di una storia molto semplificata e lineare, con poche scelte ed una rigiocabilità limitata. Molti degli elementi chiave della serie sono stati rimossi, cosa che farà storcere il naso agli amanti di Gothic 3. I GDRisti classici (come me) saranno di sicuro preoccupati nel chiedersi se questo livello di semplificazione è la nuova direzione che i GDR stanno prendendo.


Schermata di caricamento.

Ma la nuova generazione di "GDRisti casual" (altro riguardo questo tema più sotto) lo troveranno un titolo eccellente che non richiede alcuno sforzo mentale per divertirsi. Perfino alcuni GDRisti classici lo troveranno un buon titolo per quei momenti in cui ci si può permettere solo un paio d'ore ogni tanto per giocare e non è possibile concentrarsi in un GDR immersivo

La difficoltà sta nel fatto che recensire ArcaniA solo attraverso il punto di vista di un GDRista classico è ingiusto. È importante ricordare che Jowood non intendeva creare un GDR classico. ArcaniA è uno dei primi giochi importanti creati da uno sviluppatore di successo utilizzando un motore di gioco e grafico solido con l'intenzione di puntare al nuovo mercato di massa dei "GDRisti casual", che tutti gli sviluppatori migliori di GDR considerano il proprio futuro: utenti che chiedono semplicità ed accessibilità immediata per convincerli a provare un GDR. Kamaal Anwar, Producer di ArcaniA, ha riassunto molto chiaramente così la faccenda per RPGWatch: "...la sfida che gli studio hanno affrontato è stata quella di evitare di allontanare dei fan potenziali inserendo troppe possibilità e troppa libertà. Alcuni giocatori abituati a brevi sessioni di gioco potrebbero trovare la mancanza di una direzione precisa scoraggiante".

Perciò la sfida in questa recensione è di presentare ENTRAMBI i punti di vista. Coloro che frequentano RPGWatch regolarmente penseranno che io sia impazzito, dato che rileveranno due opinioni molto differenti all'interno di questa recensione. Una per i "GDRisti casual", che parlerà di un gioco eccellente, da acquistare e divertirsi senza impegno. L'altra per i "GDRisti classici" (come me, che suggerirà di lasciar perdere questo titolo per il momento, a meno che non vogliate e vi possiate permettere un buon gioco casual vagamente simile ad un GDR per quanto avete bisogno di passare due ore in tranquillità. E se i Gothic precedenti erano fra i vostri giochi preferiti, allora ArcaniA non vi piacerà per nulla.

Avvisi
Come al solito, alcuni avvisi cosicché i nuovi lettori comprendano come prendere questa recensione. È basata su una partita completa (una maratona di 30 ore più o meno durante un lungo weekend di 3 giorni). Ho giocato come mago a difficoltà normale. Per la prima parte della partita ho disattivato gli "Elementi GDR" e i "Segnalatori delle quest". Durante la seconda parte li ho attivati.

Sono un GDRista classico che è stato molto schietto nelle sue critiche al trend di tutta l'industria videoludica verso la semplificazione dei GDR. Tenete conto di questo pregiudizio in ogni critica che rivolgo ad ArcaniA. Ho fatto molta fatica a rimanere obiettivo cercando di descrivere ArcaniA attraverso gli occhi di un GDRista casual.

Infine, questa recensione si basa su una versione pre-rilascio fornita da Jowood. È probabile che la versione che sarà rilasciata sia migliorata rispetto a quella che ho provato. (Attenzione: non ho mai accettato una versione pre-rilascio a meno che non abbia comprato in seguito una copia. La copia pre-rilascio viene restituita o distrutta dopo che la recensione è stata scritta. Ho preordinato una copia DL da GamersGate). Non ho alcuna connessione con JoWood.


GDRisti casual - Un'introduzione divertente ai GDR
Quasi tutti gli sviluppatori di GDR di punta sembrano essere convinti che l'aumento delle vendite dipenda dallo sfruttamento del mercato di massa di quei giocatori che vogliono una versione più semplificata dei GDR. Questi "GDRisti casual" tendono ad evitare giochi "... con troppe possibilità o troppa libertà..." e che mancano di "indicazioni chiare da seguire". Creare un gioco che attiri questi giocatori significa modificare significativamente il gameplay rispetto a quello che i GDR ci avevano abituati in passato.

L'obiettivo di sviluppo è quello di avere gli elementi GDR tradizionali (quest, trama, sviluppo delle skill, miglioramento dell'equipaggiamento, combattimenti, ecc.) in un gioco più accattivante di un semplice hack&slash. Le cose invece che secondo gli sviluppatori spaventano i nuovi giocatori (capire le meccaniche di gioco, skilltree complessi, difficoltà nel trovare e risolvere quest, scelte difficili, la necessità di dormire e mangiare) possono essere semplificate. L'obiettivo è in un certo senso più vicino a Diablo II che a Baldur's Gate.

ArcaniA fa un lavoro eccellente nel raggiungere questo traguardo.


Tempo piovoso.

Apprezzerete il mondo di ArcaniA fin dall'inizio. La grafica è sorprendente. Le ambientazioni ed i dungeon sono ben disegnati, senza ripetizioni o quasi. Gli sviluppatori hanno saputo dare quelle sensazioni che rendono divertente un GDR: il senso di avventura ed esplorazione entrando in una caverna od attraversando un passo in mezzo alle montagne. Personalmente, ho trovato le ambientazioni fra le migliori che io mi ricordi all'interno di un videogioco. Sul mio pc ad elevate prestazioni ArcaniA fila molto più liscio di Gothic 3, nonostante il fatto che ArcaniA offre una grafica migliore ed una profondità visiva completa.

La versione pre-rilascio era molto stabile. Durante una partita completa il gioco è andato in crash solo una volta e ho trovato solo un paio di strani bug. Quello più significativo mi faceva vedere i filmati d'intermezzo completamente neri con solo l'audio. Un'altra volta sono rimasto bloccato per un po' sotto al mondo di gioco, mentre un'altra volta un nemico contro cui stavo combattendo ha arretrato all'interno del muro ed è caduto due piani più sotto. Ah, e quando l'ho avviato per la prima volta, ArcaniA ha tentato di aggiornarsi con una patch per Football Manager! A parte questi errori isolati, il gioco ha funzionato alla grande.

La storia di base vede il vostro personaggio cercare di vendicare il massacro di tutti gli abitanti della vostra isola natale. Viaggerete attraverso una mezza dozzina di terre differenti portando a termine un sacco di quest per trovare il responsabile ed affrontare alla fine la causa di tutto. La trama ha un paio di colpi di scena durante il gioco ed il finale è abbastanza diverso da quel che vi sareste aspettati all'inizio.


Registro delle missioni.

La parte principale di ArcaniA è costituita dal fare le quest principali e combattere i nemici lungo il percorso. È un po' come Diablo II aggiornato con una grafica moderna e quest molto più brevi. Molte quest sono centrate sulla storia principale, nonostante ci siano alcune quest secondarie per ottenere nuovi incantesimi e pezzi d'equipaggiamento. Uno dei punti di forza del gioco per i GDRisti casual è che molte quest tendono ad essere sfide semplici e c'è la possibilità di decidere il livello di difficoltà nel trovarle. Se selezionate l'opzione "Segnalatori di quest" nel menù principale, la vostra mappa e la minimappa segnaleranno la posizione dei vostri obiettivi. Potete anche scegliere di evidenziare fino a tre quest nel vostro diario, facendo apparire una freccia sulla minimappa per aiutarvi. Se volete aumentare la difficoltà e volete esplorare e cercare, sarà sufficiente disattivare l'opzione.


Schermata delle abilità.

ArcaniA offre tre classi principali: mago, guerriero e ranger. Scoprirete presto che vorrete investire nei livelli di base di ciascuna delle tre prima di specializzarvi in una sola. I maghi avranno comunque bisogno di affidarsi alla spada di tanto in tanto ed un guerriero in grado di lanciare un incantesimo di ghiaccio di base sarà avvantaggiato quando si troverà circondato dai nemici. La vostra scelta di specializzazione si rivelerà importante per due ragioni. La prima è ovvia: non avete abbastanza punti skill per tutto lo skilltree. Senza le skill migliori della vostra area di specializzazione avrete vita dura verso la fine del gioco. In secondo luogo, ArcaniA ha un modo interessante ed efficace per mantenere il vostro equipaggiamento bilanciato alla vostra area di specializzazione. Troverete (o creerete) armi ed equipaggiamento per ogni slot durante il gioco, tranne per lo slot dell'armatura principale. In tre momenti precisi dovrete scegliere per una delle tre armature a vostra disposizione: acciaio, pelle o seta, ciascuna delle quali avrà bonus appropriati per la classe di riferimento. Potrete trovare alcune di queste armature in vendita più tardi, se avrete abbastanza soldi da parte.


Schermata degli oggetti creabili.

I maghi possono iniziare ad apprendere incantesimi solo a partire dal livello 4: a quel punto dovreste già avere una buona riserva di skill delle altre classi che vi aiuteranno a sopravvivere quando indosserete una tunica! I maghi sembrano molto più facili da usare rispetto alla maggior parte dei GDR. Perfino un mago di basso livello, usato con attenzione, può essere potente. Ci sono solo tre incantesimi di base, ma scoprirete che potrete permettervi di portare al livello massimo solo due di essi. Uno è di tipo ghiaccio/congelamento, un altro di tipo fuoco/ustione, mentre il terzo è di tipo fulmine/paralisi. A livelli più alti si ottiene la capacità di caricare l'incantesimo, trasformandolo in un incantesimo ad area che colpisce più di un nemico alla volta.

Il combattimento ravvicinato fornisce un'ampia varietà di mosse speciali, oltre a combinazioni simili a quelle viste in The Witcher. Se colpirete con il giusto tempismo (c'è la possibilità di attivare una luce che illumina la spada per aiutarvi) potrete ottenere dei colpi speciali.

Tutte le classi hanno accesso alla possibilità di creare pozioni od equipaggiamento. Potete raccogliere materiali durante l'esplorazione (piante, minerali, ecc.), mentre potrete trovare, comprare o ricevere come premio delle pergamene contenenti le ricette. Per creare è sufficiente aprire la finestra di creazione, selezionare una ricetta e, se avete gli ingredienti necessari, siete a posto.


L'inventario.

Riassunto per i GDRisti casual: se i GDR sono per voi una cosa nuova o se preferite semplicemente un approccio più casual all'immersione totale dei GDR classici, allora ArcaniA è ciò che fa per voi. Tutti i punti essenziali che rendono un GDR divertente ci sono, dallo sviluppo del personaggio al combattimento, con una curva d'apprendimento molto più facile rispetto ai GDR tradizionali. Il mondo di ArcaniA è fantastico, con una mezza dozzina di terre da esplorare, ciascuna delle quali piena di caverne, santuari, dungeon e nemici. ArcaniA è stata la prima implementazione che io abbia mai visto su un motore moderno di un GDR creato da professionisti e diretto ai nuovi GDRisti. Riesce sicuramente a far divertire coloro che vogliono provare qualcosa un poco più impegnativo di Diablo II o Torchlight o Borderlands.

Oh, ad ogni modo la mia speranza egoista è che presto i nuovi GDRisti disattiveranno i segnalatori per provare una versione più impegnativa di ArcaniA, per poi decidere di dare una possibilità ai GDR classici che molti di noi apprezzano (come il predecessore di ArcaniA, Gothic 3, e molti altri che potrei elencare, del passato e del presente).


GDRisti classici - Un trend doloroso
"Nel tentativo di creare giochi più accessibili per il vasto pubblico, diventa un problema decidere quando si sta esagerando nel semplificare".

Questo commento, fra l'altro pronunciato dal producer di ArcaniA, Kamaal Anwar, riassume la discussione diventata accesissima nei forum di PRGWatch. Quando il compromesso di rendere un gioco più accessibile diventa "renderlo più stupido"? Possiamo guardare a uno qualsiasi dei GDR più recenti per farci un'idea al riguardo, compresi Dragon Age e Mass Effect 2, non solo ArcaniA. ArcaniA risalta solo perché è stato il primo che io ricordi a dichiararsi sviluppato appositamente per i nuovi GDRisti casual. Oltre al nome (è stato un GROSSO errore di marketing usare il termine "Gothic 4"), ArcaniA non ha mai preteso di essere un GDR classico, di quelli che la maggior parte di noi qui su RPGWatch cerca e preferisce. Non mi stupirei se la reazione sui forum di RPGWatch fosse per la maggior parte negativa, vista l'alta percentuale di GDRisti classici in comparazione con gli altri siti.

Questo gioco otterrebbe una reazione negativa solo per il nome. Crea aspettative sbagliate. Uno si aspetta un "Gothic 4", poi scopre che si tratta di un nuovo genere di gioco, un "GDR casual", che mira a quello che tutti gli sviluppatori considerano il futuro: utenti che vogliono semplicità ed accessibilità. Come tale, ArcaniA è un gioco molto buono, meritando un 4+ in una scala da 1 a 5 per quanto riguarda questo "mercato di massa". Purtroppo, io mi aspettavo qualcosa di diverso e non ha molto in comune con ciò che mi piace giocare. E ho il sospetto che deluderà anche molto membri di RPGWatch. Questo non è Gothic 4, e non è un GDR classico nemmeno disabilitando gli aiuti.


Scena di combattimento.

Ironicamente, se Jowood avesse annunciato che G4 era previsto per un futuro non molto prossimo, ma che nel frattempo ArcaniA sarebbe stato un "... nuovo GDR casuale basato su alcuni dettagli della storia di Gothic 3...", sarebbe stato tutto molto diverso. Credo che ArcaniA sarebbe stato accolto in maniera migliore dai primi recensori che aveva le stesse aspettative (sbagliate) sul tipo di gioco che sarebbe stato.

Ora, prima che io avvisi i GDRisti classici sul perché dovrebbero lasciar stare per ora ArcaniA, devo rivelare un mio piccolo segreto. All'inizio odiavo ArcaniA, ma un po' alla volta mi ha preso. A due terzi della partita, mi stava cominciando a piacere. No, non si avvicinerà mai ad entrare nella mia lista personale dei migliori GDR che amo e che rigiocherei un sacco di volte, però si è rivelato essere un gioco divertente, perfetto per un GDRista che non vuole niente di troppo impegnativo. La maggior parte dei GDR classici richiedono concentrazione ed impegno. Qualcuno nei forum ha esposto un'opinione che ora capisco meglio: ha detto che avrebbe apprezzato ArcaniA, nonostante egli sia un GDRista classico, perché il suo lavoro e la sua vita raramente gli consentono di dedicare a GDR più impegnativi. Aveva ragione, e io non l'avevo capito. ArcaniA è proprio quel tipo di giochi che cerco quando ho un paio d'ore libere e potrei non avere poi altro tempo libero per giorni.

Ok, sarebbe stato più facile proclamare che avevo un desiderio segreto di sposare Margaret Thatcher, piuttosto che ammettere davanti ai GDRisti hardcore di RPGWatch che alla fine ArcaniA mi è piaciuto.

Ma ora, le ragioni per cui i GDRisti classici non lo apprezzeranno. Ironicamente, molti sono considerati "punti di forza" per quanto riguarda i GDRisti casual.

In ordine sparso dalle mie pagine d'appunti:

  • La storia è molto lineare, priva di scelte significative durante lo svolgimento del gioco. Non c'è modo di fallire - la cosa peggiore che può succedervi è perdere uno scontro e dover ricaricare. Non ho trovato una singola scelta nel gioco che avesse un grosso impatto sulla storia. La maggior parte dei dialoghi sono costituiti da da una riga da scegliere, quindi il riquadro è poco più di un modo per regolare la vostra lettura.
  • La linearità della storia ha come conseguenza che la rigiocabilità è legata solo alle tre classi.
  • Ci sono molti nemici con un nome nel gioco, ma al massimo sono miniboss senza alcuna conseguenza. Molti sembravano semplicemente versioni leggermente più forti del resto dei gruppi con cui si combatte.
  • Anche con i segnalatori disattivati, siete molto più guidati attraverso le quest rispetto agli RPG tradizionali. Gli obiettivi sono facili da trovare, i dungeon facili da esplorare, le aree che dovete evitare sono bloccate, ecc. Il peggior esempio al riguardo è che in un'occasione un mago aveva lanciato un incantesimo speciale che faceva illuminare l'erba di palude al suo passaggio, mentre in un altro gioco ci sarebbe voluto molto più tempo per cercarlo in un'area così vasta. Quando state per raggiungere un PNG che è l'obiettivo di molte quest il gioco avvierà una cutscene automatica, perciò non potrete mancarlo.
  • Graficamente le condizioni meteorologiche ed i cambiamenti del ciclo giorno-notte sono impressionanti, ma non hanno alcun impatto sulla storia.
  • Potete rubare qualsiasi cosa in qualsiasi momento. Prendetela dal tavolo al quale c'è qualcuno. Non ci sarà alcuna conseguenza.
  • Non c'è alcun bisogno di avere una skill da scassinatore. Tutti gli scrigni sono aperti nella prima parte della storia. In seguito riceverete una "chiave speciale" che vi consentirà di giocare un minigioco per aprire il forziere.
  • Nessuna trappola nascosta, solo un paio di trappole visibili e non disattivabili. Ne ho trovata solo una (attraverso una leva, se eravate abbastanza abili da raggiungerla attraverso alcune palle di fuoco).
  • Abilità ed incantesimi sono stati semplificati rispetto a Gothic 3. Non ci sono maestri. Ci sono solo otto skill maggiori, compresi solo tre incantesimi.
  • Il level up degli attributi è automatico.
  • Il combattimento sembra molto più facile, almeno a normale. Le frecce volano seguendo una linea dritta. Il sistema di puntamento è "gentile". E come mago sono riuscito a morire solo un paio di volte durante i primi tre quarti di gioco. Il combattimento è diventato molto più difficile nell'ultima parte. Non c'è fuoco amico e non rischiate di farvi del male da soli con gli incantesimi ad area. Oltre alle scottature, non ho trovato altri danni persistenti (come il veleno) che potessero colpirvi. I nemici che colpiscono a distanza ravvicinata sembrano attaccare uno alla volta, mentre quelli a distanza non si fanno alcun problema. Tutti i nemici tornano al punto di partenza se vi allontanate abbastanza.
  • La forgiatura/alchimia è un semplice seleziona-e-clicca se avete trovato/comprato la ricetta e collezionato gli ingredienti. Potete farlo ovunque - non c'è bisogno di incudini o banchi di lavoro.
  • Non c'è bisogno di riparazioni, riposo, cibo. Non ci sono limiti di quantità o peso per l'inventario.

Riassunto per i GDRisti classici: i GDRisti hardcore preferiranno lasciarlo perdere. Anche i GDRisti meno-che-hardcore come me lo prenderanno in considerazione principalmente se possono permettersi questo acquisto per quando il tempo non è sufficiente per un GDR più immersivo.


Amanti di Gothic - Una delusione cocente
Se Gothic 2 e Gothic 3 sono nella vostra lista dei migliori GDR del passato e sperate che ArcaniA sia la continuazione della serie, sarete solo delusi quando lo proverete. La connessione fra ArcaniA o G3 è molto sottile. Vedrete molti dei vostri vecchi amici (Gorn, Diego, ecc.) e ci saranno alcuni punti di contatto con la storia dei capitoli precedenti. Ma la maggior parte del resto delle meccaniche di Gothic sono state eliminate.

Di linearità, furto ed esplorazione ho già parlato sopra. Alcuni altri elementi di Gothic (ed altri GDR classici) che sono stati eliminati includono:

  • Luoghi di creazione: non c'è più bisogno di tavoli da alchimista o forge. È sufficiente aprire la finestra di creazione e cliccare su ciò che volete realizzare. Se avete le materie prime, apparirà nel vostro inventario.
  • Fazioni: eliminate completamente.
  • Riposo: i letti sono lì solo per occupare spazio.
  • Abilità: molte meno opzioni.
  • Insegnanti: eliminati. Quando salite di livello ottenete tre punti da distribuire fra le abilità che desiderate. Per quanto riguarda le abilità "commerciali", trovate o comprate delle pergamene con ricette da usare nella finestra di creazione. Trovere un paio di "insegnanti" durante il gioco, ma stanno là solo per darvi delle brevi quest che hanno come ricompensa una pergamena o due.
  • Serrature: eliminata la skill per scassinare le serrature. I forzieri si aprono automaticamente durante la prima parte di gioco. Poi molti forzieri saranno ancora aperti, mentre gli altri si potranno aprire con un minigioco (ed usando un "grimaldello speciale").
  • Riparazione ed affilatura: eliminate.
  • Coti e leggii: eliminati.

Riassunto per gli amanti di Gothic: Gothic 4 ed i Gothic precedenti hanno davvero poco in comune per quanto riguarda i punti essenziali del gameplay. Fareste meglio a considerare ArcaniA come un gioco completamente nuovo, e non come Gothic 4.


Nuove opzioni GDR - una speranza per il futuro?


Menù delle opzioni.
C'è una cosa che vale la pena menzionare. ArcaniA è stato il primo gioco di alto livello che io ricordi (penso che anche Eschalon ed alcuni giochi indie ci abbiano provato) ad introdurre delle opzioni per attivare/disattivare elementi GDR. Lo trovo un segnale davvero incoraggiante (anche se potrebbe rivelarsi solo un sogno). Credo che Fallout: New Vegas presenterà opzioni simili.

Ciò che trovo incoraggiante (vedendo il bicchiere mezzo pieno) è che questo potrebbe essere il modo per rendere più accessibile un buon GDR per i GDRisti casual. Se un gioco come Baldur's Gate 2 (per usare un gioco vecchio come esempio) fosse uscito con delle opzioni per aggiungere segnalatori, eliminare il bisogno di riparazioni e riposo, ecc., avrei accolto di buon grado la cosa. Consentirebbe sia ai GDRisti classici che a quelli casual di divertirsi con i giochi che più apprezzano. Ironicamente, uno dei migliori mod per Gothic 3 era un mod di ribilanciamento che aggiungeva opzioni simili.

Sono molto preoccupato dal fatto che il trend che abbiamo visto in Dragon Age, Mass Effect 2 ed ora in ArcaniA possa continuare: essendo gentile definirei il fenomeno come un tentativo di rendere i giochi più "accessibili", ma quando sono scoraggiato non sono così gentile ed uso il termine "rendere stupido". Delle opzioni per togliere i segnalatori da un gioco già molto semplificato non lo trasformano immediatamente in un grande GDR classico.

La verità fondamentale dell'usare questo tipo di opzioni in un GDR è che funzionano solo in una direzione. Possono rendere un GDR classico più accessibile, ma non possono rendere un gioco semplice più complesso.

Sarà interessante vedere se ci sarà qualcosa di simile nei prossimi Spellforce, Divinity, Drakensang e Two Worlds II.


La demo di ArcaniA
Questa è una di quelle volte in cui giocare prima la demo, dopo aver letto una recensione come questa, può aiutare molto nella scelta se comprare il gioco o meno. La demo (a parte una grossa eccezione) si rivela essere molto simile al gioco completo. Io ero uno di quelli che, convinto che G4 fosse il logico successore della serie, non aveva registrato il grado di semplificazione presente nella demo. Mi dicevo solo:"E' una demo, il gioco vero sarà molto diverso." Mi sbagliavo.

La demo è abbastanza fedele all'inizio del gioco. L'unica eccezione è la parte finale nella caverna. C'erano molti altri pezzi di equipaggiamento da raccogliere, l'intera parte con la regina era stata aggiunta solo per la demo, e la scena finale in cui ci si avvicina al re non è presente nel gioco.


In conclusione
La vostra reazione varierà molto in base al vostro punto di vista. Se siete uno di quei nuovi GDRisti casual, allora ArcaniA vi farà divertire molto. Anche per i GDRisti classici sarà un gioco carino se potete permettervi di comprarlo solo per quei momenti in cui non potete dedicarvi a GDR più immersivi. D'altra parte, se siete un fan che spera di continuare la serie di Gothic con le stesse meccaniche ed esperienze di quando avete esplorato Myrtana ed il Nordmar, allora rimarrete delusi profondamente, dato che è un gioco molto diverso da quello che vi aspettate. Se siete un GDRista classico che sta nel mezzo come me, caveat emptor ("stia attento il compratore", un invito a fare attenzione, NdT).

PRO CONTRO
Ambientazioni, paesaggi e design dei dungeon. Dipende molto da quali occhiali state indossando!
Grafica.
Il gioco fila liscio ed è stabile.

Tradotta in italiano da -Henry-.