Bestiario - Zombi

Zombi

"La magia può fare tutto, anche conservare la materia dalla decomposizione. Inoltre, riesce ad imporre alla stessa materia di muoversi in maniere indipendente."

Xardas, il necromante.


La "vita" da zombi potrebbe essere una possibilità per gli uomini dopo la morte, soprattutto se hanno condotto un'esistenza non particolarmente virtuosa. Al contrario dei caduti durante le battaglie e dei guerrieri che, dopo la morte, di solito guadagnano una seconda esistenza come soldati risorti (sotto forma di scheletri o paladini non-morti), gli zombie sono tutte quelle persone comuni che non sono mai state impegnate in guerra durante la loro vita. In origine erano solitamente contadini, cittadini e commercianti, i quali hanno trovato la morte nel momento sbagliato o vissuto in maniera perversa, piuttosto che comportarsi con rettitudine, per cui sono stati condannati ad un'eterna esistenza come carne putrida di zombi.

Ma cosa distingue gli zombie dagli scheletri? Nella metà dei casi, gli zombie non possono risuscitare da soli; per il loro risveglio è necessaria una potente magia, caratteristica dei necromanti. Pertanto, accade che gli zombi, dopo il risveglio dalle loro tombe, sono più potenti anche degli scheletri-soldato risorti, avendo acquisito il potere dagli incantesimi dei necromanti.

Questa forma di non-morti non può semplicemente riposare in pace come gli scheletri perché, nella maggior parte dei casi, vengono ridestati dopo la morte quasi esclusivamente per degli scopi particolari. L'applicazione principale di questo tipo di non-morti da parte dei necromanti, è quella di proteggere luoghi occultati oppure laboratori abbandonati, dato che gli zombi hanno un odorato straordinariamente sviluppato e riescono ad orientarsi facilmente in stanze buie. Inoltre, restano impassibili a qualsiasi attacco, in quanto la loro carne è stata per lungo tempo atrofizzata dalla morte. Interrompono il lento incedere soltanto quando vengono decapitati o dilaniati e i loro resti bruciati successivamente con la magia o su un rogo.

Gli zombie non possono morire perché già non-morti, ma per conservare la loro struttura hanno bisogno di consumare continuamente alimenti organici; in caso contrario, la loro carne marcisce al punto che essi si confondono con gli scheletri. È accaduto in passato che gli zombi hanno ucciso i loro evocatori negromanti o, vagando fino ad arrivare a degli insediamenti popolati dove nessuno poteva opporre loro resistenza, hanno anche distrutto interi gruppi di cittadini. Questi umani si sono tramutati a loro volta in zombi che si sono stanzianti quindi in tali aree nelle quali nessuno osa avvicinarsi, neppure esperti cacciatori o guerrieri.

Sull'isola di Khorinis sono stati incrociati numerosi zombie. I cimiteri e le tombe erano i luoghi in cui erano più diffusi. Durante la ricerca di una delle Pietre focalizzatrici, l'attuale re Rhobar III, ex detenuto della Valle delle Miniere, dovette affrontare uno zombi guardiano particolarmente potente che non poteva essere ucciso da qualsiasi arma o incantesimo conosciuti. Tuttavia, con l'aiuto del Mago del Fuoco Milten, l'eroe senza nome scagliò l'incantesimo "Morte dei non-morti" contro questa pericolosa creatura uccidendola.

Inoltre, la torre sommersa del necromante Xardas era gremita di tutti i tipi di non-morti, inclusi gli zombie. Non è chiaro da dove fossero venuti. Neppure il vecchio necromante riuscì a spiegarsi i motivi celati dietro la proliferazione di questi rappresentanti dei non-morti. C'erano zombie anche nella boscaglia vicino alla fattoria di Onar, i quali vagavano dissimulati da una tenue nebbia verde attraverso le stretto cimitero, spaventando i viaggiatori, e divorandone alcuni. Nel continente di Myrtana i non-morti dimoravano comunemente nelle caverne buie, nei pressi di aree nascoste. Sono stati avvistati anche vicino alla case bruciate: una volta erano comuni cittadini o contadini, bruciati vivi nelle loro stesse case.

Nella battaglia contro gli zombi occorre essere molto concentrati, temporizzare gli attacchi e controllare le loro azioni. Nonostante l'aspetto, gli zombie sono molto forti e difficili da uccidere. La loro carne in decomposizione attutisce tutti gli attacchi dei nemici; sono addirittura in grado di infliggere danni notevoli ad ogni singolo colpo. Per di più, la carne velenosa in decomposizione può infettare il sangue: allora si avrà un immediato bisogno dell'antidoto...

Per disorientare temporaneamente il nemico, alcuni zombi vomitano i loro succhi gastrici, che non sono soltanto fetidi, causando vomito e spasmi allo stomaco, ma provocano anche danni fisici e da corrosione, in quanto contengono un potente acido.

Quando gli zombi vengono distrutti, emettono un urlo strascicato simile ad un lamento, lasciando che la magia che li tiene in vita formi una luce bluastra insieme ad un sottile fumo.

Trofei possibili (ancora da confermare):

Cervello in putrefazione: Elemento estratto.


Tradotto in italiano da xardas66.