Bestiario - Razziatori dei campi

Razziatore dei campi

I razziatori dei campi sono dannosi insetti giganti, sventura dei contadini locali. Essi amano semplicemente stabilirsi in prossimità di pascoli, campi e, in generale, nelle vicinanze di qualsiasi attività agricola o allevamento di bestiame. Il loro corpo ovale e convesso è ricoperto da uno scheletro esterno di chitina che funge da corazza. L'insetto presenta ancora delle piastre sul dorso, che probabilmente servivano a proteggere delle ali; testimonianza del fatto che gli antenati di questi insetti sapevano probabilmente volare un tempo. In ogni caso, l'ultima specie di razziatore è così pigra che tende a muoversi solo sulle sei zampe.

Non è del tutto chiaro da quale tipologia di insetto preistorico potrebbe essersi evoluto questo mostro. Ma una cosa è certa: i razziatori sono insetti tenaci e l'estinzione non li preoccupa minimamente. Questi insetti sono diffusi lungo tutto il continente e le isole.

Le zampe posteriori e del torace, consentono all'insetto di poter contare su una solida base di appoggio sul terreno. Invece, le due zampe anteriori sono spesso utilizzate in modo diverso, ovvero abilmente in battaglia.

La testa dei razziatori è costituita da un unico elemento massiccio, sul quale sono situati i suoi due enormi occhi. Nella parte inferiore della testa sono evidenti le potenti mascelle dell'insetto; o meglio, le due serie di taglienti mandibole, una piccola e l'altra di dimensioni più rilevanti, necessarie a stringere e lacerare le prede.

Inoltre, dalla testa del razziatore si dipartono due lunghe appendici simili a delle antenne. Queste antenne fungono da organi sensoriali supplementari del tatto. Ed è proprio grazie a queste appendici che i razziatori percepiscono, immediatamente, anche le più lievi le vibrazioni che si propagano nell'aria circostante e che potrebbero tramutarsi in un pericolo per loro. Pertanto, passare inosservati da questo insetto è estremamente difficile.

Il vero punto debole dei razziatori dei campi si trova nella parte inferiore del corpo, lungo l'addome; in quella zona del corpo l'insetto non è protetto dalla sua corazza ed è vulnerabile agli attacchi durante il combattimento.

I razziatori non sono di solito animali solitari. Nei campi se ne scorgono sempre diversi individui. Il numero degli insetti presenti dipende in larga misura dalle dimensioni del campo che occupano.

Questi parassiti hanno pochi nemici in natura, ma sono spesso cacciati dagli agricoltori per proteggere i loro raccolti. I cacciatori non sono interessati a dargli la caccia, dato che dagli insetti non si possono recuperare trofei. Il razziatore dei campi è solo la specie più comune dell'insetto, che annovera anche altre due tipologie: i razziatori dei campi devastatori e i razziatori dei campi distruttori.


Tradotto in italiano da xardas66.